Il bilanciamento del bianco

Cos’è e come si regola il bilanciamento del bianco

La luce, anche se può sembrare strano, non ha sempre lo stesso colore, ma può assumere diverse colorazioni e variare nell’arco della giornata.

bilanciamento del bianco


vendita on line di acquari ed accessori per l'acquariofilia, pesci e coralli

Il colore della luce è identificato dalla sua temperatura che si misura in gradi Kelvin; la luce della fiamma di una candela ha una temperatura di 1.500° Kelvin, una lampada a incandescenza da 100 W ha una temperatura di 2.850° Kelvin, la luce del sole al mattino o al tramonto ha una temperatura di circa 5.000/5.500° Kelvin, a mezzogiorno di 5.700 / 5.900° Kelvin, un cielo azzurro può arrivare sino a 27.000° Kelvin; sostanzialmente la temperatura della luce sale col passaggio dal rosso al giallo al blu.

Il bilanciamento del bianco (white balance) si può regolare in vari modi in base alla macchina fotografica che si possiede ed alla qualità fotografica che si utilizza (RAW, jpeg).

Più o meno in tutte le macchine fotografiche, compatte o reflex, troviamo delle impostazioni predefinite, (sole, ombra, nuvoloso, lampade ad incandescenza, lampade al neon, ...), la possibilità di una regolazione automatica ed una premisurata (manuale).

Nel caso in cui la nostra fotocamera abbia la possibilità di scattare in RAW ci converrà utilizzare tale formato in quanto ci consente di correggere alcune impostazioni in più rispetto al jpeg o ad altri formati o per lo meno in modo molto più agevole e preciso tra cui il bilanciamento del bianco.

In tal caso, una volta scaricati i file sul computer, con un programma di elaborazione grafica potremo regolare la temperatura del colore, senza alterare altri parametri, molto velocemente, impostando direttamente la temperatura di colore che ci serve.
Nel caso in cui scattiamo in jpeg sarà meglio regolare correttamente e preventivamente il bilanciamento del bianco.

L'ideale a quel punto è utilizzare il bilanciamento premisurato, cioè prendere un cartoncino bianco, posizionarlo al posto del soggetto da fotografare (o molto vicino) ed eseguire uno scatto da impostare come misurazione del bianco (come impostarlo cambia da macchina a macchina ed è quindi necessario andare a leggere le istruzioni della macchina fotografica a nostra disposizione).
Nel caso in cui non si abbia a disposizione un cartoncino adatto allo scopo, si potrà fare una panoramica ed impostare quello scatto come bianco e la fotocamera elaborerà automaticamente il bilanciamento anche se in modo meno preciso del precedente e non sempre affidabile.

Il procedimento della misurazione premisurata è valido ed importante anche nel caso in cui si scatti in RAW.

Nel caso in cui si scatti in jpeg potremmo comunque correggere il bilanciamento del bianco intervenendo sulla “curva dei toni RGB”.

I testi e le fotografie sono di proprietà dell'autore.
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo sito, senza il consenso dell'autore.
Per informazioni scrivere a andreafanni@ymail.com